Il rottamaio del giornalismo e le idiozie di Trump

Ci risiamo. Ed è grave per almeno tre motivi: il primo è l’indottrinamento astratto dei fedelissimi, quelli che, fosse possibile, lascerebbero istruzioni per votare Lega anche dopo la morte. Quelli che leggono il mattinonline e la domenica corrono verso la cassetta verde (quelli che ne prendono qualche copia in più per portarle ai vicini, credendo di fargli un favore e, magari, invece le usano come lettiere per i gatti). Il secondo motivo è lo svuotamento strutturale del Ticino, lasciando credere al popolo acritico che lo ha rovinato il partitume, precludendo alla terra più bella del mondo di sfruttare le innumerevoli possibilità che ha. Se guardi l’abisso, l’abisso ti guarda. Dovrebbe essere questa la tag-line del giornale di Via Monte Boglia.

Il terzo motivo è l’incancrenirsi del giornalismo, quello fatto comment il faut.

Di strafalcioni culturali e annichilimenti intellettuali il Mattino ne offre a sacchi. L’ultima, inaccettabile da ogni punto di vista, risale a domenica ed è il rilancio dell’ennesima puttanata proferita dal presidente americano eletto Donald Trump. Il tycoon ha sostenuto, in una lunga intervista alla Cbs, che costruirà il muro con il Messico (!) e che vuole espellere dal paese 2-3 milioni di stranieri con precedenti penali (!).

L’articolo o, meglio, la lapide al giornalismo è qui, su archive.is, perché questi signori non meritano nemmeno qualche click in più. Il pezzone da antologia titola “Trump fa sul serio: sì al muro con il Messico. E subito via 3 milioni di clandestini”.

Ora, i media di tutto il mondo hanno rilanciato le farneticazioni di Trump ma il Mattino ha fatto di peggio, perché se un sultano dell’Oman dicesse pubblicamente che il suo autista marocchino non gli piace, il giornalone della Lega titolerebbe qualcosa tipo: “fuori i magrebini dall’Oman, anche i sultani si sono svegliati!!!!”. Prendere una farneticazione e storpiarla senza usare il cervello, mettendo cacca nella testa del lettore, è proprio inaccettabile. Il Mattino prende una notizia impossibile e la usa per caricare d’odio e risentimento il fucile delle cazzate.

Peccato non avere a disposizione una risorsa web tramite la quale soddisfare le proprie curiosità e trovare risposte attendibili ufficiali… chessò… un motore di ricerca con un nome ispirato alla matematica, qualcosa tipo Google.

Perché se ci fosse un ipotetico motore di ricerca, che chiameremo Google, si sarebbe scoperto che negli Usa ci sono 11 milioni di clandestini (fonte PewResearchCenter) e che cacciarne 3 milioni sembra per lo meno utopico, servirebbe un rastrellamento che risale ad altre epoche.

Se questa semplice costatazione non fosse bastata (e, infatti, non basta), sempre facendo ricorso a questo ipotetico Google che qualche giorno qualcuno inventerà, si sarebbe potuto visitare l’ipotetico sito dell’Immigrazione americana, strumento più valido delle scellerate ipotesi dei giornalisti di via Monte Boglia, strumento che un professionista avrebbe dovuto consultare per scoprire che, nel periodo dal 2008 al 2015 si è proceduto all’espulsione di 2,8 milioni di clandestini. In 8 anni ne sono stati espulsi meno di quanti vorrebbe espellerne Trump nei prossimi 4 anni. Ciò conferma l’impossibilità di mantenere la promessa a meno che non venga attuato un vero e proprio rastrellamento, considerando che i clandestini costretti a lasciare il paese sono, di norma, quelli che le autorità hanno intercettato nel corso di indagini e non di certo frutto di una battuta di caccia porta a porta.

Un giornalista serio lo avrebbe specificato, limitandosi a rilanciare la notizia, senza usarla per dimostrare che anche Trump vuole alzare muri e cacciare gli stranieri.

Sono tre le cose che non accadranno: il muro si farà, verranno espulsi 2-3 milioni di clandestini, il Mattino diventerà un giornale.

Apparso su “Gas, quello che in Ticino non ti dicono” 16/11/2016

Annunci

Dite la vostra

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...